Gianni Maroccolo e Andrea Chimenti – L’era dell’ippopotamo bianco

 In Archivio Concerti

Venerdì 17 Novembre 2017 @ CRE.TA (Bassano del Grappa)

Gianni Maroccolo e Andrea Chimenti
L’era dell’ippopotamo bianco
Parole e note fuori dallo stagno della musica

Dopo l’era del cinghiale bianco cantata da #FrancoBattiato, quella dell’ippopotamo: un animale che ama rivoltarsi beatamente nel fango. Fuor di metafora, il fango è l’acqua stagnante della cultura contemporanea, in cui sembrano smorzarsi impeti e idee.
Gianni Maroccolo e Andrea Chimenti sono personalità storiche del rock italiano che da sempre hanno evitato mode e tendenze, in favore della qualità e della musica “altra”.
Negli ultimi due anni, Andrea Chimenti ha prestato la sua straordinaria voce alla versione live dell’album “vdb23 / nulla è andato perso”, realizzato nel 2013 da Gianni Maroccolo con Claudio Rocchi, che purtroppo non è più con noi – perlomeno con il corpo. I due artisti e amici si ritrovano in forma inedita assieme su un palco per dichiararsi “non-ippopotami”, in una serata basata su parole e note: parole per narrare un segmento irripetibile di storia della musica degli ultimi trent’anni; note per lasciare che la musica stessa si snodi attraverso alcuni brani “a sorpresa” che verranno eseguiti dal vivo in forma minimale e intima nella cornice del Cre-ta di San Giuseppe di Cassola (VI).
Gianni e Andrea dialogheranno tra loro e con il pubblico, in un momento di verità e condivisione dello spirito di un’epoca artistica che ancora non accenna a tramontare e conserva immutato il fascino degli esordi.
A introdurli e affiancarli sul palco ci sarà l’amico Marco Olivotto, autore, fra l’altro, del bellissimo scatto che vedete

Post suggeriti
Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Federico FiumaniCristiano Godano